Quando si pianificano le uscite dei post con un calendario editoriale può succedere che poco prima di te abbiamo trattato un argomento simile a quello di cui vorresti scrivere. Mi è capito, con il tema di oggi, affrontato solo una settimana fa da Gioia.

Sono ben felice che lei, così amata e stimata, abbia già parlato di questo argomento, che mi sta molto a cuore.

Tutti i giorni mi chiedo se sto facendo il meglio per i miei clienti e soprattutto mi chiedo se il mio meglio sia quello di cui loro hanno bisogno.

Gli esempi fatti da Gioia nel suo post sono sicuramente un buon indice di soddisfazione: un cliente contento, è un cliente che parla bene di te, che ti affida ancora un pezzo di lavoro, che ha realmente raggiunto un obiettivo che si era prefissato, che è convinto di aver investito bene i soldi nella tua consulenza.

C’è un modo per capire se questo obiettivo sia stato raggiunto?

La risposta, tanto per cambiare, la danno i numeri. Il ROI, return of investement, può essere applicato anche ad una consulenza. Vediamo perché.

Prima di tutto, per misurare un risultato bisogna aver stabilito un obiettivo a monte:

  • aumentare la visibilità sui social
  • avere maggiori visite sul sito
  • allargare la fanbase
  • conquistare 10/100/1000 nuovi iscritti alla newsletter
  • vendere più pezzi del proprio prodotto
  • guadagnare di più
  • aver più tempo
  • lavorare meglio

Direi che ne abbiamo per tuti i gusti e che un obiettivo non esclude l’altro.

A seguire, dopo gli obiettivi bisogna avere sotto mano i numeri da cui si parte, quindi:

  • controllare gli insight per avere una fotografia di chi ci segue e quando sui social
  • controllare analytics per il sito
  • sapere quanti iscritti si hanno alla newsletter
  • conoscere il numero di pezzi venduti giornalieri/settimanali/mensili dei nostri prodotti
  • verificare quanto si è guadagnato, al netto delle tasse e per ogni singola commessa
  • controllare con l’aiuto di un time tracker quante ore partono per un commessa

A questo punto, si può capire se con la nostra consulenza i clienti hanno aumentato i numeri da cui sono partiti o se almeno hanno innescato il processo di cambiamento che desideravano attuare, quando ci hanno chiesto aiuto.

Controllando i numeri per i punti che abbiamo visto sopra, se l’incremento sarà positivo, potremo dire di aver lavorato bene. Certo, possiamo ancora disquisire se l’aumento sia considerevole o esiguo, ma di fatto ci deve essere uno spostamento da una situazione di partenza ad una situazione migliore.

Strada facendo questi numeri possono essere anche accompagnati dalle sensazioni: mi sento in buone mani, la mia consulente capisce di cosa ho bisogno, mi aiuta a correggere i punti di debolezza, mi porta a valorizzare i punti di forza, insieme ci facciamo delle belle risate su quello che scopriamo e non ci scoraggiamo per il lavoro che c’è ancora da fare.

Ecco, io reputo che anche in questo si possa parlare di ROI, anche se è impalpabile e per me stare bene con una persona con cui lavori non ha in realtà prezzo.

Allora, pollici sul tappo dello champagne e si festeggia!

Per contattarmi:

Come ti chiami?

Qual è la tua email?

Come posso aiutarti?

Accetto le condizioni sul trattamento dei dati personali