cabina di comando

Photo by Franz Harvin Aceituna on Unsplash

 

Cara Signora Rossi,

voglio rispondere con questo post alla tua domanda: come si fa a delegare?

Mi scrivi che hai una piccola azienda a conduzione familiare. L’attività l’aveva iniziata il nonno Luigi e ora insieme a tuo padre te ne occupi tu. Presto toccherà solo a te stabilire la direzione e vuoi che sia la migliore per la tua famiglia e anche per i tuoi dipendenti, pochi e che conosci bene perché li ha selezionati tu e li incontri tutti i giorni ai loro posti di lavoro.

Che aria tira

Andrebbe tutto bene se non fosse, come spesso succede, una quotidiana corsa contro il tempo per cercare di far quadrare produzione, amministrazione e promozione. “Una volta era più facile” dice tuo papà. “Se lavoravi bene, ti venivano a cercare”. Oggi non basta più, bisogna anche farsi conoscere, spiegare cosa si produce, meglio ancora come.

Vorresti avere una presenza online un po’ più brillante, un sito lo hai già fatto e hai anche aperto una pagina Facebook, ma hai capito che in questo modo chi ti cerca non trova notizie aggiornate e forse quello che scrivi sui tuoi prodotti non incuriosisce molto.

La buona volontà

Nel tuo ufficio ci sono alcuni collaboratori che ci mettono buona volontà a postare qualche foto sui social, le informazioni sulle promozioni, il brindisi di Natale con cui l’azienda augura Buone Feste a tutti i clienti.

Hai capito che questo approccio non ti porta lontano e non sai come fare, anche perché tutti i collaboratori sono già pieni di responsabilità e incarichi da portare a termine.

Un’imprenditrice tua amica ti ha detto che ha delegato a un’Assistente Virtuale la scrittura del blog e l’aggiornamento del sito e tu ti sei incuriosita, ma hai il terrore di dare un compito da svolgere da remoto, in parte ti sembra di fare torto ai tuoi dipendenti, in parte temi di non avere il controllo su chi lavora a distanza.

Eureka: la delega!

Cara Signora Rossi, se sei arrivata a legger fino a qui ti dico che puoi fidarti di un’Assistente Virtuale, basta seguire questi passi:

  • stabilisci con precisione di cosa hai bisogno ovvero che incarico vuoi affidare. Se non hai chiara la direzione in cui muoverti consultati con l’Assistente Virtuale e con lei stabilisci la strategia per procedere
  • attribuisci un budget di spesa ai compiti individuati e confrontati con l’Assistente Virtuale per capire se il suo lavoro può essere svolto rispettando questo budget
  • prevedi un arco di tempo di lavoro ragionevole per poter avere dei risultati e fissa un tempo massimo di consegna del lavoro
  • stabilisci ogni quanto desideri avere aggiornamenti, senza rallentare lo sviluppo dell’incarico che hai delegato
  • chiedi di ricevere una relazione finale in cui si analizzano i risultati ottenuti e valuta se stabilire un’ulteriore delega.

 

Lo scetticismo

Non scuotere la testa, è più facile di quello che pensi e se segui queste indicazioni ti semplificherai la vita e molto.

Sai quanti compiti potresti delegare a un’Assistente Virtuale? Molti e tutti cruciali per la crescita della tua attività.

Ti faccio qualche esempio:

  • la creazione, gestione e aggiornamento di data base per cercare nuovi clienti
  • la scrittura di email marketing
  • la gestione delle mail per il customer care
  • la creazione e la cura di archivi digitali

Il mio consiglio? Inizia con un primo incarico, stabilisci “patti chiari, amicizia lunga” e vedrai che una delega chiamerà l’altra.

 

La confessione

Come dici? Vuoi sapere se anch’io delego? La risposta è sì, forte e chiara. La tua obiezione “ma anche tu che sei un’Assistente Virtuale deleghi?”.

Ebbene sì delego, per due motivi:

ho bisogno che qualcuno mi veda da fuori e che mi indichi quello che io da dentro non vedo, per migliorare i miei risultati
imparo a delegare per far capire meglio ai miei clienti come fidarsi e delegare

Ecco qui svelati i miei segreti sulla delega, come vedi niente di impossibile. Quando iniziamo?