Cosa tengo, cosa butto

Un lavoro che funziona deve il più possibile scorrere in modo fluido. Perché ciò accada è necessaria una buona organizzazione, costanza e una sana semplificazione di passaggi e strumenti.
Per semplificare è utile chiedersi cosa tenere e cosa buttare, sia a livello mentale che a livello pratico.

leggi tutto

La generosità è merce rara

Quello che siamo e come ci comportiamo lo travasiamo nella vita lavorativa: generosità e ironia, usate in modo sincero e non artefatto, aiutano a costruire relazioni sane e durature occasione di crescita per ognuno. Mettere in circolo positività, energia, gentilezza e cortesia per sentirsi bene e per riceverne in cambio. Se non arriveranno, pazienza, almeno la nostra metà di percorso l’abbiamo fatta e possiamo sentirci già soddisfatti.

leggi tutto

Cosa vuol dire per me essere freelance

Questo weekend sono andata a Marina Romea al mio terzo Freelance Camp, punto di ritrovo che sedimenta relazioni, anno dopo anno, e allo stesso tempo attrae sempre persone nuove curiose di conoscere questa realtà. Tutte trovano una risposta e soprattutto portano la propria. Lontano dall’essere un’enclave chiusa è un recinto aperto che può contenere e sostenere, così come lasciare liberi di andare e venire.

leggi tutto

Godersi il percorso

Fra un attimo siamo a metà anno e già mi chiedo: a che punto sono con i miei obiettivi?
In realtà li verifico a trimestre, ma il bilancio di mezza via serve per capire se bisogna accelerare ancora un po’ nella seconda parte dell’anno.
Analizzo, scompongo, aggrego e soprattutto cerco di mantenermi positiva, che aiuta.

leggi tutto

Dal progetto al business plan

Alla domanda “che lavoro fai?” ho iniziato a rispondere “scrivo e faccio di conto”, perché prima di parlare di cifre un’idea deve essere scritta e soprattutto ordinata in un progetto, che poi verrà verificato nei numeri.
Spesso il mio intervento è preliminare alla scrittura ed è mirato a chiarire le idee. La base di partenza è la ricerca, che serve a raccogliere i dati da cui partire.

leggi tutto

Usare le parole per connettersi e condividere obiettivi

Gli sforzi di un’impresa sono tutti concentrati nel comunicare verso l’esterno, viceversa parlare e stabilire relazioni all’interno con i propri collaboratori è del tutto trascurato. La mancanza di comunicazione fra titolari, dipendenti, collaboratori e consulenti esterni non solo genera incomprensioni, ma anche sprechi di tempo (che si traduce in denaro), malcontento e soprattutto allontana anziché unire chi lavora per lo stesso obiettivo.

leggi tutto

Il mio futuro in un Mandala. Chi l’avrebbe mai detto!

Sono tre anni che insieme alla mia coach realizzo un Mandala di previsione per l’anno che verrà. Quest’anno, dopo mille peripezie e appuntamenti mancati, sono riuscita a farlo solo pochi giorni fa.
In realtà non è così fondamentale farlo a inizio anno, perché il principio è stabilire una proiezione dal momento in cui lo si compone fino a un tempo che si vuole ad esso assegnare, che può essere un anno, due, cinque, senza limiti. Quindi il mio non ha in sé una data di scadenza a fine 2018, ma va un po’ più in là, fino a che non si saranno compiute tutte le cose che per mia volontà ho deciso di iniziare.

leggi tutto